Diciottopercento - Immagini ed Idee ben esposteDiciottopercento - Immagini ed Idee ben esposte

Weegee e il suo “Occhio indiscreto”

By Gabriele Celsa

Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestShare on TumblrPrint this page

Sono gli anni 40 quando il fotoreporter statunitense Arthur Felling in arte Weegee, arriva all’apice dei suoi successi, dopo anni passati come assistente di camera oscura e stampatore a venti dollari la settimana, lascia il lavoro per diventare free-lance.

In poco tempo inizia una frenetica attività frequentando il quartier generale di polizia di Manhattan. Questo gli permette di essere sempre in prima linea con la sua Speed Graphic a freschi avvenimenti come  assassini, risse, incendi ed incidenti, fino ad avere un suo ufficio personale all’interno dell’ufficio persone smarrite, sarà proprio lì che potrà organizzare facilmente i suoi contatti. Nel 1938 è il primo cittadino di New York a ricevere il permesso di installare il sistema radio della polizia sulla sua autovettura, una Chevrolet sulla quale monta anche la sua attrezzatura fotografica e da stampa, il suo porta bagagli diventerà anche la sua camera oscura.

Quella che vi ho raccontato è una storia vera non è un film, ma è stato realizzato davvero un film su questo grande fotoreporter: “Occhio indiscreto” è un film del 1992 diretto da Howard Franklin, con Barbara Hershey, Stanley Tucci, Joe Pesci, Titolo originale: The Public Eye (Poliziesco, durata 99 min. – USA 1992).

Il film è liberamente ispirato a Weegee ed ha come protagonista Joe Pesci, l’attore impersona molto bene il fotografo, dimostrando grande capacità nel far pervenire la sua personalità sfacciata e furba, e si muove con naturalezza come se la cinepresa non esistesse. Il regista crea un mezzo noir con storia d’amore inclusa, ma il film racconta con grande impatto, tra gangster e pupe, l’aria notturna che si respirava in quegl’anni tra New York e Manhattan, di un’America alle prese con i problemi della recessione. Il personaggio, traendo ispirazione da Weegee (si chiama Leon Bernstein “Bernzy”), usa la sua macchina fotografica come appendice del suo occhio e “ferma”, principalmente di notte, tutto ciò che secondo lui rappresenta la “vita vera”: omicidi, incidenti, incendi, giovani militari che baciano le proprie fidanzate prima della partenza per la guerra, delinquenti, lavoratori notturni, personalità importanti, poliziotti e attori, con il desiderio di riunire e pubblicare i suoi migliori scatti in un libro, ma trovando molte porte chiuse da parte degli editori.

Il suo modo di lavorare lo porta a conoscere tutti i poliziotti e tutti i delinquenti ma riesce a mantenere prudentemente un atteggiamento neutro dal punto di vista etico. È un campo difficile il suo, ma come un eroe d’altri tempi riesce ad entrare negli ambienti mafiosi solo per dare aiuto ad una donna, Kay Levitz, padrona di  un famoso night club invischiata in giri malavitosi. Il suo aiuto sarà ben ricompensato, il film non lo racconta ma alla fine riuscirà a far pubblicare il suo libro e smetterà le vesti del fotografo da strada, perdendo anche un pò del suo “occhio indiscreto”.

Questo non è il solito film di gangster in gessato e malavita newyorkese, qui ogni sequenza si dipana, lineare ed incisiva, con un dialogo sobrio, spesso frizzante in battute sapide ed intelligenti con immagini tagliate come vecchie istantanee dell’epoca.

Un film fotograficamente parlando da non perdere.

Gabriele Celsa
About Gabriele Celsa
Nato a Palermo nel 1985, gia' all'eta' di 8 anni destreggiavo la mia prima polaroid e ricordo le emozioni che mi provocavano quei primi scatti, sono cresciuto in una famiglia di sani valori morali ed etici, lavoratore instancabile ma riuscito ad approfondire gli studi fotografici con grande passione, diplomato in grafica pubblicitaria, consolido gli studi con il corso di fotografia Reportagistica e successivamente con il corso di camera oscura e camera chiara. Mi diverto molto a fotografare con "Instagram" anche se non e' molto professionale ma la trovo un'ottima applicazione, che stuzzica velocemente la mia voglia di fotografia ed immagine. Sono in continua ricerca di quello che puo' essere un frammento di vita, un ritaglio della realta', congelare un attimo eterno.

No Comments

Leave a Comment

weegee5
weegee
132596b_occhio-indiscreto-visore
aadbafaafe23144dcffd602a4f30d5c4_large
486cc5e2da50f_normal
41120-large